Secondo molti, le cosiddette Maldive del Salento custodirebbero le spiagge più suggestive del sud. Ma è davvero così? A chiederselo sono in tanti, almeno fin quando non provano il piacere di bagnarsi nelle acque di Marina di Pescoluse.

Sì, perché qui la natura assume colori e sfumature che hanno dell’incredibile e che lasciano letteralmente a bocca aperta. Possiamo dirlo con assoluta certezza: in Puglia esiste un tratto di costa, affacciato sullo Ionio, le cui spiagge ricordano a tutti gli effetti quelle di un paradiso tropicale!

Il paradiso sul Mar Ionio

pescoluse maldive del salento

Le Maldive del Salento si estendono per circa 7 km, tra Torre Vado e Torre Pali. Una striscia di sabbia candida e finissima, tutta da scoprire. Bagnata da acque turchesi e dotata di alcuni dei fondali più suggestivi dell’intero Mar Ionio, l’area si estende in prossimità di Santa Maria di Leuca, nella parte meridionale della Puglia, in provincia di Lecce.

Alle spalle della spiaggia figura un ambiente fatto di dune e ricco di biodiversità, caratterizzato dalla vegetazione tipica delle zone umide, in cui spicca il rarissimo giunco di palude. Il nome “Maldive del Salento” (in passato oggetto di contese giudiziarie) deriva da uno stabilimento balneare tuttora attivo, situato poche centinaia di metri a nord di Pescoluse, il centro abitato più importante dell’area. La struttura titolare del brand ha da poco compiuto (e festeggiato) vent’anni di attività. L’orgoglio di aver dato il nome all’intera area è giustificato dalle bellezze naturalistiche che caratterizzano Pescoluse e dintorni, incluse quelle di Lido Marini, Posto Vecchio, Torre Pali, Torre Vado e Marina di San Gregorio. Zone, queste, che non hanno niente da invidiare ad alcuni vicini di casa più famosi, Otranto, Gallipoli e Porto Cesareo in primis.

Acque turchesi che si infrangono lungo un bagnasciuga di rara bellezza

Ad ammaliare i visitatori è il colore dell’acqua, che lungo questo tratto di costa si mostra incredibilmente trasparente, venato di mille sfumature di turchese, verde e azzurro. Il tutto viene reso ancor più inebriante dai delicati profumi provenienti dalla vicina macchia mediterranea.

La sabbia più chiara in assoluto è quella della spiaggia di Pescoluse; a Torre Pali, invece, è necessario fare un salto sul celebre isolotto della Fanciulla. Torre Vado, infine, offre un piacevole porticciolo turistico e diversi negozietti nei quali fare shopping. A rendere ancora più unico il posto è il suo straordinario entroterra, un’autentica miniera di siti d’interesse culturale, storico, artistico, antropologico e gastronomico.

Ma in che periodo conviene andare per godere appieno di questo paradiso naturale a due passi da Lecce? Agosto è senza dubbio il mese durante il quale le spiagge sono più affollate. Naturalmente, per apprezzare le bellezze dell’area vale la pena evitare di fermarsi troppo vicino ai varchi d’accesso o ai parcheggi, ma continuare a piedi per qualche centinaio di metri, alla ricerca della pace e della tranquillità tipiche del luogo.