Stampa questa pagina

Acquarica del Capo

Vota questo articolo
(5 Voti)

Sintesi

Castello Acquarica del Capo Castello Acquarica del Capo

Acquarica del Capo

 

all'origine era denominato "Acquarica de lama", posto a simboleggiare le acque del suo sottosuolo. Nel tempo si venne a creare una una grossa voragine, che assorbì la maggior parte delle acque e causò l'inaridimento della zona. Questa voragine esiste tutt'ora e svolge la medesima funzione di assorbire le acque provenienti sia dal centro abitato, sia dalle serre vicine. Successivamente ad "Acquarica de lama" venne denominata "Acquarica Centellas" dal cognome del signore feudatario padrone nel 1669. Finito il potere del feudatario Centellas si optò per l'attuale nome "Acquarica del Capo" che il paese conserva ancora oggi.

 

STORIA di Acquarica del Capo

 

Riguardo la nascita di Acquarica del Capo gli studiosi sono soliti ritenere più attendibili due ipotesi. La prima afferma che la nascita del paese risalga ad età remote quali il Neolitico, il Paleolitico ed anche l'Età del Bronzo. Tutto ciò può essere facilmente dimostrato dai ritrovamenti avvenuti nella Caverna della Madonna della Grotta. In più, sulle pareti della grossa cavità, sono anche state trovate delle iscrizioni che risalirebbero al periodo bizantino. Non si sa con esattezza l'origine della nascita del centro di Acqurica del Capo, ma si ritiene che risalga al IV secolo d.C., quando questo territorio ricco di acque, attirò le prime popolazioni all'insediamento in quelle zone. La seconda ipotesi afferma che il paese sia nato dalla distruzione di Pompignano e dall'assorbimento di Ceciovizzo e Gardigliano, tre casali situati nelle vicinanze dell'odierno paese.

 
Letto 3564 volte

Punti di interesse

Mappa

Strutture

Foto

Video

Video

Eventi

Numeri utili

Il centro abitato forma un'unica conurbazione urbana con quello di Presicce. I principali collegamenti stradali extraurbani sono la strada statale 274 Salentina Meridionale, che collega Acquarica a Gallipoli in direzione nord-ovest e al capo di Santa Maria di Leuca in direzione sud, e la strada provinciale 360 (ex statale 475 di Casarano), che conduce a Taurisano, in direzione nord. Il comune è servito anche dalle strade provinciali 331 per Ruffano e 332 per Torre Mozza.

La stazione ferroviaria Presicce-Acquarica, inaugurata nel 1911, è posta sulla linea Novoli-Gagliano del Capo, gestita dalle Ferrovie del Sud Est.

L'economia è basata prevalentemente sui settori agricoli e sulla presenza di industria calzaturiera. Acquarica del Capo ha il primato nella provincia di Lecce di essere il paese con il reddito più basso, pari a 6.105 euro per contribuente ovvero 3.533 euro per abitante e 9.594 euro per famiglia.